L’ILLUSIONE DELLA LIBERTÀ

Pensando a ciò di cui vorrei farvi parte, l’immagine di una scacchiera riassume decisamente il concetto.

È più facile vivere la propria vita nel ruolo comune di pedone o in quello, apparentemente invincibile, della regina? Nella scacchiera sociale ognuno di noi ha un ruolo ben definito, difficilmente intercambiabile. Sono i pochi dominatori ad essere consapevoli dei meccanismi perversi che soggiacciono ai vertici del potere per ottenere il controllo sulle masse, che, forse fortunatamente, ne rimangono ignare. Da semplici pedine, guardiamo al potere, rivendicando diritti che ci vengono sottratti, doveri che spesso ci schiacciano e tutto in nome della libertà. Lo stato di pace apparente, la possibilità di esprimerci, non ci faccia credere di essere liberi. Il denunciare possibili corruzzioni dell’oggi o complotti futuri, non significa che il nostro pensiero attuale non sia già stato condizionato e manipolato a monte. Ricordiamo che in una partita a scacchi, i passi che le pedine compiono, non sono altro che la conseguenza del pensiero del giocatore.

Come uscirne? Non saprei… si accettano proposte e spunti di riflessione.

Forse non ci rimane altro che riuscire a vivere, ognuno il proprio ruolo, con lucida consapevolezza, allenando la mente alla riflessione, ad uno sguardo comune e non individualista della realtà. È l’unione dei singoli che crea una forza competitiva al potere.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

9 risposte a “L’ILLUSIONE DELLA LIBERTÀ”

    1. Credi che ne abbiamo le possibilità, ne conosciamo le astuzie e ne possediamo le conoscenze? Sotto l’apparenza reale c’è un mondo sconosciuto dai semplici, ma parallelo e gestito dai potenti, inarrivabile dai singoli individui. A meno che non ci sia un leader come Gandhi o qualsiasi altro “grande” che ha fatto storia.

  1. Forse il detto “l’unione fa la forza” potrebbe essere un punto di partenza, purtroppo la storia insegna che sono sempre i potenti ad avere la meglio anche se sono una élite di poche persone, forse bisogna solo riuscire a trovare il mondo di uscire dagli schemi che questa stessa élite ci impone e allora liberi potremmo avere la meglio, anche se vorrà dire solo… libertà

    1. Per uscire dagli schemi imposti, ne devi avere la consapevolezza.. Abilmente siamo distratti dai veri problemi ed invitati a godere senza pensare ed intanto per noi pensano loro…

  2. Interessante il discorso della scacchiera… Secondo me non c’è un pezzo più importante dell’altro ma ognuno con un compito diverso ma ognuno indispensabile per la vittoria finale ( c’è da stabilire cosa si intende per vittoria!!! Chiedo commenti)
    Credo sia neccessario una mente superiore che guidi il tutto… Come ci dice la storia da soli si é capaci solo in modo evidente o sottile di dominare gli uni sugli altri…. I re e le regine con la loro potenza sono e i pedoni nel loro piccolo.. basta guardare i grandi regimi totalitari che sembravano indistruttibili e che in un “attimo” si sono sgregolati..
    e guardarci un po’ attorno…. Per me la mente superiore é Dio che ci ha creato e messo sulla terra con un compito specifico ognuno secondo le proprie capacità.. nella piena libertà ci chiede di accogliere e donare il suo amore e la vittoria finale e la rsurrezzione che ieri abbiamo festeggiato!!

    1. Sarebbe tutto perfetto come dici, se ognuno facesse la sua parte correttamente. Il problema sorge proprio quando non la si fa ed in mezzo c’è potere e denaro ed al bene delle persone non importi niente a nessuno (vedi Siria). La speranza e la preghiera sono una gran bella cosa, ma devono essere accompagnate da atti concreti.

      1. Si vero…. Allora che si fa’? Rimaniamo “schiavi” per tutta la vita nel guardare se l’altro fa bene la sua parte così anche ciò che tocca a me andrà meglio?
        La mia esperienza mi dice che l’unico modo per essere soddisfatto della mia vita è lavorare su me stesso e con l’aiuto indispensabile di Chi Guida il gioco cercare sempre di perfezionarci alla fine ci accorgeremo che il nostro impegno sarà lasciarlo fare fidarsi (non questo non vuol dire essere passivi ) il resto lo fa lui… e inconsapevolmente saremo un richiamo continuo verso chi non fa la sua parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.